Cambia la Tua Terra

Cambia la Tua Terra

Come Lavare il Pizzo Antico

Se vuoi conservare una stoffa, un pizzo, un ricamo, devi innanzitutto assicurare loro una buona manutenzione e una regolare e periodica pulitura. Questa prevede un’accurata spolveratura, fatta con morbide spazzole e pennelli e con l’aiuto di un piccolo aspirapolvere, proteggendo la superficie del tessuto con una rete, soprattutto se si tratta di tessuti fragili. Qui ti spiegherò come deve essere lavato un pizzo antico.

Occorrente
Acqua demineralizzata
Detergente neutro
1 vaschetta
Alcune spugnette
Dei pennelli
Panno-carta
Qualche foglio di plastica
1 pannello di polistirolo
Nastro adesivo
graffette
spilli
Asciugacapelli
1 piccolo aspirapolvere
1 rete

Devi spolverare il tessuto sul dritto e sul rovescio, con una spazzola morbida. Se lo sporco è molto consistente, passa un piccolo aspirapolvere o un aspirabriciole, proteggendo la superficie del ricamo con una rete. Adesso prendi una vaschetta di dimensioni idonee ad accogliere il tessuto disteso, senza che si creino pieghe, e versa l’acqua demineralizzata fredda e detergente neutro.

Appoggia il ricamo su un foglio di plastica leggermente più grande del ricamo stesso, che servirà a sostenerlo durante il lavaggio: infatti, il tessuto una volta bagnato, si appesantisce, diventa sensibilmente più fragile e va quindi maneggiato pochissimo. Immergi il tessuto nella vaschetta e lascialo in ammollo per circa mezz’ora. Se a questo punto l’acqua risulta già molto sporca, sostituiscila con una nuova, uguale soluzione.

Durante questa operazione, il ricamo non viene rimosso dalla vaschetta, ma viene tenuto il più fermo possibile contro il fondo della bacinella, attraverso la semplice pressione della mano. Quindi tampona l’intera superficie del ricamo con una spugnetta insaponata di detergente, insistendo, con l’aiuto di un pennellino, nelle zone più sporche. Poi giralo e tamponalo anche sul retro e lascialo nuovamente in ammollo per un’ora.

Ora risciacqua abbondantemente. Raccogli il ricamo e trasportalo sul pannello di polistirolo, che deve essere avvolto da un foglio di plastica spessa e fermato sul retro con il nastro adesivo. Quindi distendi il ricamo e tamponalo con del panno-carta per togliere l’eccesso d’acqua. Poi, sempre sul pannello, appunta il tuo ricamo con gli spilli partendo dal centro e procedendo verso l’esterno, affinchè, una volta sciolto, risulti ben stirato. La stiratura tradizionale deve essere evitata. Puoi utilizzare invece un asciugacapelli con getto d’aria fredda. Infine elimina gli spilli e il lavoro è terminato.

admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto